[ ↓ skip to navigation ↓ ]

Gatti e bambini

Come reagirà il tuo gatto a un nuovo arrivato in casa, e come assicurarsi che il gatto e il neonato vadano d'accordo? La veterinaria ed etologa  Francesca Riccomini offre dei consigli su come preparare il tuo felino domestico al nuovo arrivo.

Per molti proprietari, il gatto rappresenta un membro della famiglia a tutti gli effetti e come tale ha accesso a tutte le risorse che la casa offre. In termini felini, queste comprendono l'attenzione umana, che spesso viene richiesta quando c'è qualcuno in casa. Come possono quindi un gatto e un neonato andare d'accordo? Centro dell'attenzione.

Non è insolito per un animale domestico essere curato e a volte persino viziato, fino a diventare il 'bambino' della famiglia. Non c'è nulla di male in questo, se è conforme al carattere del gatto e di tutte le persone coinvolte, ma può creare dei problemi quando un vero bambino viene introdotto in casa.
La situazione può essere più complicata se il tuo gatto è in età avanzata e ha avuto poca o nessuna esperienza con dei bambini, specialmente durante l'importante periodo di socializzazione fra le due e le sette settimane di vita.
Molti di noi "adottano" un gatto quando ha già superato questa età o comunque spesso non abbiamo l'opportunità di presentare i cuccioli a dei bambini in quel periodo. Sebbene non sia impossibile compensare questa carenza con esperienze in età più avanzate, sarà opportuno fare dei preparativi molto in anticipo rispetto all'arrivo del neonato.

Gatti diversi reagiscono in modo diverso

Come un gatto in particolare reagirà al nuovo arrivato dipende da fattori genetici (relativi alla razza, ai genitori o alla specie), personali e esperienziali. In alcuni casi bisogna ammettere che questi fattori precludono la possibilità di una coesistenza armoniosa tra bambini e gatti.
Alcuni proprietari, dopo aver considerato bene la questione, decidono che non possono prendersi la responsabilità di tenere un particolare animale quando hanno dei bambini, e quindi trovano una nuova casa per il loro gatto, più adatta ai suoi bisogni. 
La decisione di rinunciare ad un animale non è sempre facile. Potresti decidere di tenerlo comunque, ma devi tenere in considerazione atteggiamenti come l'aggressione nei confronti di bambini o lo spruzzare urina (che potrebbe essere stimolata dall'arrivo inaspettato di un neonato). Si può comunque evitare il peggio con la dovuta cautela e prevenzione.

Vivere in armonia


Affinchè la tua famiglia allargata viva assieme armoniosamente, dovrai considerare due fattori: l'ambiente e il tuo gatto. Il gatto deve avere il proprio posto dove dormire, le sue ciotole  dove mangiare e bere, i suoi giocattoli, la lettiera, ecc. 
Sebbene questi oggetti debbano essere posizionati dove è più conveniente per noi, la loro posizione dovrà essere ottimale anche per il tuo gatto. La lettiera ad esempio deve trovarsi in un posto privato lontano dal cibo e da aree frequentate della casa, come la cucina o il corridoio; il tiragraffi dovrebbe trovarsi vicino alla porta d'uscita o comunque vicino al luogo dove il gatto marca solitamente il suo territorio.
Se possibile, scegli un posto in posizione elevata come luoghi dove farlo mangiare o riposare, o delle aree della casa che possono essere isolate con dei recinti per bambini. Questo dà al tuo gatto l'opportunità, almeno, di scappare dalle avances di un piccolo persecutore. Se le attuali posizioni del letto, della lettiera o di altri accessori dovessero essere inappropriate quando arriverà il bambino, dovresti cambiarle immediatamente. E' importante, specialmente per i gatti più anziani, che questi cambiamenti avvengano gradualmente.

Un posto per nascondersi

Ricorda che il modo preferito per i gatti di reagire a qualcosa che li disturba o che può costituire un rischio, è quello di nascondersi, preferibilmente in un luogo alto, scuro, e isolato, da dove si gode di una vista ottimale per valutare la situazione. 
Questi luoghi si possono creare facilmente mettendo degli scatoloni, o dei lettini a igloo, sui mobili della casa o sugli scaffali. Assicurati che vi siano alcuni di questi nascondigli in aree diverse della casa, ma specialmente dove passerai più tempo con il tuo bambino. Incoraggia il tuo gatto a usarli riponendovi le sue coperte preferite o dei bocconcini prelibati. 

Vietato l'accesso


Spesso il tuo gatto sarà abituato ad avere libero accesso alla stanza che verrà adibita a fasciatoio. E' consigliabile che l'accesso a questa stanza venga interdetto al tuo gatto molto prima dell'arrivo del bambino.
Non dimenticare che i gatti abituati a vivere in casa subiscono più profondamente l'effetto dei cambiamenti anche minimi nell'ambiente, nel teritorio o nello stile di vita.

Cambiamenti nel territorio

Il sistema olfattivo dei felini è molto sensibile ed è un mezzo di comunicazione molto importante per il gatto domestico. Perciò qualunque cambiamento nel pattern olfattivo del territorio di un gatto può avere un impatto enorme nella sua vita, ed essere causa di grande disagio. Questo spesso non viene riconosciuto, ma spiega come mai gli oggetti del bambino, acquistati prima del suo arrivo, divengano spesso meta di spruzzate di urina. Il gatto cerca infatti in questo modo di rassicurarsi demarcando questi oggetti con il proprio odore.
Preparàti ai ferormoni possono essere quindi applicati ad articoli come il passeggino, la culla o il seggiolone del bambino. Per questo motivo sarà consigliabile farsi dare da amici e parenti molti articoli per bambini, così che il tuo gatto si abitui in anticipo agli odori, spesso pungenti, che incontrerà più avanti!
Questi potrebbero essere trascurabili per noi, con il nostro scarso senso dell'olfatto, ma possono costituire una fastidiosa intrusione per un gatto. Portare queste cose a casa gradulmente e in modo controllato aiuterà non solo a ridurre il fastidio che possono generare in un gatto, ma aiuterà anche te a creare gli opportuni condizionamenti. Ad esempio, potrai offrire al tuo gatto del cibo che gli piace ogniqualvota porti per la prima volta un oggetto per bambini. 

Premi, gioco, cibo

E' bene ricordare la regola essenziale: non rassicurare mai una animale dalla sua ansia o dalla sua paura, poichè non farete altro che peggiorare le cose. Rinforza invece i comportamenti rilassati rispetto a potenziali agenti ansiogeni con premi, coccole, gioco o cibo. L'udito del gatto, come il suo olfatto, è molto migliore del nostro, perciò sarà opportuno fargli ascoltare, inizialmente ad un volume molto basso, i suoni emessi da un neonato: vagiti, gorgoglii e strilli. Alza il volume gradualmente e solo quando il gatto dà segni di poterlo sopportare. 

Primi incontri

Sarà di aiuto, naturalmente, ricevere visite di bambini, ma con la dovuta cautela. L'esperienza di essere inseguiti persistentemente da un bambino potrebbe essere insopportabile per un gatto. Segui sempre gli incontri e assicurati che il gatto sia trattato in maniera appropriata e gentile. 
Non dovresti mai permettere a un bambino di sollevare il tuo gatto se non sei sicuro che sia abbastanza forte da reggerlo. Dovresti sempre insegnargli come sostenere il peso, in modo che non si trovi mai con le zampe anteriori libere di penzolare in avanti. Ricordati anche che a volte un bambino a cui sia stato detto di non lasciar cadere il gatto, potrebbe stringerlo talmente forte da fare tanto male all'animale quanto un bambino che non lo tratti con la dovuta cura.
E' meglio attenersi a contatti che non prevedono l'uso delle mani, come giocare con oggetti appesi a un filo, con delle palline, o con delle torce puntate contro il muro. Sarà bene sedersi tranquillamente vicino al gatto, accarezandolo ogni tanto, se questo non arreca un disturbo eccessivo. Ancora una volta, rendere l'esperienza piacevole rinforzandola con del cibo gradito o con delle lodi può aiutare a consolidare un'associazione positiva al contatto con piccoli umani. 
Non lasciare che nessuno, nemmeno dei bambini, incoraggino il tuo gatto a giocare direttamente con le dita o con qualunque parte del corpo. Il tuo gatto potrebbe ferirlo o aggredirlo, anche senza avere cattive intenzioni.

Cambiamenti graduali

Se la relazione con il tuo gatto è molto intensa, potrebbe essere difficile mantenere lo stesso grado di attenzione dopo l'arrivo del neonato. Sarà quindi opportuno per il tuo gatto che cerchi di diminuire l'intensità del rapporto molto prima dell'arrivo del bambino. 
Anticipa la futura gestione del tempo, e stabilisci una routine che sei ragionevolmente sicuro di poter mantenere anche in futuro. Introduci i cambiamenti in modo graduale per minimizzarne l'impatto. Se il tuo gatto è abituato ad avere tutta l'attenzione su di sè, comincia a concedergliene un po' meno quanto prima possibile.  Puoi diminuire gradualmente i periodi di contatto, ad un ritmo che il tuo gatto è in grado di sopportare bene. Crea dei momenti di gioco o di cure in modo che combacino con la nuova gestione del tempo e i bisogni del tuo gatto. Se ti sembra che si innervosisca, non compensarlo con più attenzione poichè potresti peggiorare le cose.

Problemi comportamentali

Se il tuo gatto ha dei problemi comportamentali che finora hai sopportato, è giunta l'ora di affrontarli. E' probabile che l'arrivo del bambino non faccia altro che aggravarli.
Quando arriva il bambino, cerca di dedicare del tempo al tuo gatto e di mantenere le abitudini prestabilite quanto più possibile. Questo è molto importante per i felini. Se sei troppo impegnato per soddisfare i bisogni sia del gatto che del bambino, considera l'idea di invitare qualche amico o qualcuno che conosca il gatto per farlo giocare con lui.
Se il tuo gatto cerca di scappare dai bambini, non cercare di forzarlo. La fuga è una difesa naturale per un felino in risposta a qualcosa di strano. Se forzi il tuo gatto, potrebbe diventare ansioso e indurlo all'aggressione, se penserà di essere in trappola e di aver perso il controllo della situazione. 

Portare a casa il bambino

Se hai fatto i preparativi indicati qui sopra, il tuo gatto non dovrebbe rispondere troppo negativamente al nuovo arrivo. Applicare dei diffusori di feromoni in vari punti della casa, specialmente nelle zone associate con il bambino, tuttavia, dovrebbe aiutarti a rassicurarlo. Potresti anche aiutarlo offrendogli del cibo che gli piace. 
Alcuni gatti sono maggiormente infastiditi dai bambini quando questi possono muoversi. Un bambino in grado di strisciare o camminare può prendere il gatto di sorpresa e le sue grida possono spaventare il felino. La presenza di luoghi ove rifugiarsi è particolarmente importante in questa fase. 
Infine, i bambini non dovrebbero mai essere educati a pensare che gli animali domestici siano dei giocattoli. Devono esssere abituati sin dall'inizio a rispettare il gatto e ad avvicinarsi a lui e a toccarlo con cura. Vi sono molti vantaggi a crescere in una casa con un animale rispettato e trattato bene.  Ref: Feline Advisory Board - www.fabcats.org

[ ↑ skip to content ↑ ]