[ ↓ skip to navigation ↓ ]

La gravidanza nei gatti

Se non vuoi che la tua gatta abbia dei gattini, è sempre consigliabile farla sterilizzare. La gravidanza nei gatti è un evento molto significativo, e se decidi di affrontarlo, aspettati una grande avventura. Una mamma gatta è istintivamente preparata al parto, e di solito è meglio lasciare che se ne occupi da sola. Tuttavia, vi sono alcune cose che puoi fare per rendere le cose più semplici.

Segni della gravidanza

Vi sono vari segni che indicano che la vostra gatta è gravida. Il primo indicatore è l'interruzione del ciclo. Un altro segno è che i capezzoli si ingrossano ed assumono una colorazione rosso scuro. Una gatta gravida tenderá a mangiare di più e a volte ad avere dei rigurgiti mattutini. Dopo cinque settimane, noterai che lo stomaco della gatta sará percettibilmente ingrossato, e questo continuerá fino al giorno del parto. Potresti osservare un cambiamento drastico nel suo comportamento. Potrebbe diventare improvvisamente molto affettuosa e desiderosa di passare più tempo con te. Oppure, al contrario, potresti osservare che una gatta che prima era affettuosa e amichevole diventerá cupa e guardinga. Non ti preoccupare, entrambi questi comportamenti sono perfettamente normali. Solitamente le gatte gestisono il parto senza problemi. Se sei preoccupato per la tua gatta, o vuoi confermare che sia incinta, portala dal veterinario. Verrà effettuato un controllo per assicurarsi che la futura mamma sia in salute e confermeranno la gravidanza con un controllo fisico, o con gli ultrasuoni.

Preparazione

Nei mesi che ti separano dal parto non c'è molto che tu possa fare per la futura mamma, assicurati solo che continui a nutrirsi con una dieta equilibrata, e che abbia sempre acqua a sufficienza. Appena ti sarà confermata la gravidanza, dovresti cambiare la sua dieta in modo da assicurare che contenga gli agenti nutritivi necessari per lei e per i gattini. Hills Science Plan Kitten è progettato proprio a questo scopo. Mantieni questa dieta fino allo svezzamento dei gattini. Non preoccuparti se in principio la tua gatta non mangerá molto.Probabilmente preferirá mangiare molte volte al giorno, a piccole dosi.  In prossimità della nascita dei gattini, la tua gatta probabilmente comincerá a cercare un luogo tranquillo e soffice per preparare la cuccia. Assicurati che abbia qualcosa come una scatola e un asciugamano, ed incoraggiala ad usarla.Tuttavia non preoccuparti se alla fine deciderá di non usarla. L'imminenza del parto è solitamente indicata da una secrezione di latte dai capezzoli. Se stai misurando la temperatura della gatta, osserverai probabilmente che sará calata al di sotto dei 38.9 gradi. Quando comincia il parto, la gatta comincerá a fare le fusa, e vedrai le contrazioni. Ricordati che nella maggior parte dei casi una gatta è perfettamente in grado di portare a termine la gravidanza da sola.

Il segreto è la calma

In media una gatta partorisce da 2 a 5 gattini. Normalmente la gatta fará una pausa che varierá da 10 minuti a un'ora fra un gattino e l'altro. Se sai che deve ancora partorire dei gattini, e la tua gatta ha atteso più di tre ore, dovresti portarla dal veterinario. I gattini appena nati, dovrebbero giá cominciare a liberarsi della membrana amniotica. Solitamente la madre li aiuta a farlo. Se non dovesse farlo, dovrai fare attenzione nel toglierla per liberare i gattini. La madre leccherá i suoi cuccioli appena nati, per stimolare la respirazione. Se è troppo esausta per farlo, o se è distratta da un'altra nascita, potresti doverlo fare tu. Strofina dolcemente il gattino con un asciugamano nello stesso modo in cui lo farebbe la mamma. Fa in modo che la testa del gattino sia verso il basso. Questo aiuterá a liberare le sue vie respiratorie.

Rimozione della placenta

Dopo ciascun gattino, dovrebbe emergere una placenta. Se la placenta non viene espulsa, può causare infezioni nella madre. Conta le placente, per assicurarti che ve ne sia una per ogni gattino. Non ti sorprendere se la madre mangerá alcune o tutte le placente. Questo è normale e non presenta alcun rischio. Se ti sembra che la madre non abbia espulso una delle placente, portala rapidamente dal veterinario. Normalmente la madre morderá il cordone ombelicale per liberare il piccolo. Se non lo dovesse fare, aiutala. Lega un filo attorno al cordone a un paio di centimetri dal corpo del gattino. Stringi un altro filo un paio di centimetri più distante, poi taglia il cordone fra queste due posizioni con un paio di forbici affilate. Una volta che i cuccioli sono stati partoriti e lavati, dovrebbero immediatamente avvicinarsi ai capezzoli della madre, e cominciare a succhiare. A questo punto è consigliabile lasciare stare per un pò la tua gatta con i suoi piccoli. Congratulazioni per la tua nuova cucciolata.

[ ↑ skip to content ↑ ]