[ ↓ skip to navigation ↓ ]

Ora della pappa: il gattino fa il difficile

I cambiamenti sono inevitabili nella vita, anche per i gatti. Il primo compleanno, per esempio: una vera e propria pietra miliare nella sua vita, che segna il passaggio all'età adulta. A partire dal primo anno, è possibile iniziare a mescolare gradualmente il cibo per adulti a quello per gattini per alcuni giorni, finché non si sarà abituato ai bocconi più grandi e alla nuova formula nutrizionale.

Fin qui tutto bene. Essere adulti, però, significa anche essere in grado di fare le proprie scelte, e d'ora in poi il vostro gatto potrebbe dimostrarsi meno malleabile rispetto a ciò che gli piace o meno. Che il vostro micio decida di dormire sul sofà, piuttosto che in quelll'igloo che vi è costato un occhio della testa, forse non vi stresserà più di tanto, ma che fare se diventa schizzinoso con il cibo? Quanto aspettare prima di assecondare i capricci alimentari del vostro felino preferito?

Ora più che mai inizierete a vedere il vostro gatto come un individuo. Alcuni mici amano sperimentare cose nuove, proprio come gli esseri umani: una nuova marca, una consistenza diversa, mescolare cibo umido e secco. La predilezione per la novità si chiama neofilia, e il vostro gatto potrebbe presentare un comportamento neofilo in funzione della sua personalità, delle sue prime esperienze, dell'ambiente circostante e di svariati altri fattori.

Altri gatti invece sono neofobici e, di fronte al nuovo, lo rifiutano sistematicamente. I gatti appartenenti a questa categoria sono abitudinari, non amano la novità e spesso preferiscono mangiare la stessa cosa un giorno sì e l'altro pure. Se hanno sempre avuto un tappetino sotto la ciotola e glielo togliete, potrebbero contrariarsi talmente tanto da non toccare cibo. È un fattore importante che va tenuto in considerazione se adottate un gatto abbandonato o proveniente da un'altra casa. Prima di portarlo a casa, cercate di scoprire non solo che cosa, ma anche come mangiava. Non dimenticate, tuttavia, che potrebbe essere neofobico non solo con il cibo, ma anche rispetto ai giocattoli o all'ambiente esterno.

Presentare il cibo nel modo giusto può essere utile, specialmente se il vostro micio fa il difficile. Alcuni  gatti preferiscono il cibo umido servito tiepido, e anche se magari non tutti i giorni, potrebbe essere un buon accorgimento per quando il vostro beniamino è particolarmente giù di corda. Una buona idea per far piacere il cibo secco ai gattini reticenti, invece, consiste nel mescolarlo in una ciotola con un po' d'acqua calda.

C'è poi un aspetto sorprendente che forse non avevate considerato: il vostro corpo parla! Ogni vostra reazione evidente rispetto al cibo per gatti sarà attentamente soppesata dal felino di casa. Se la nuova confezione dei croccantini vi sembra pacchiana, lui potrebbe interpretare la vostra espressione o il vostro atteggiamento pensando che qualcosa nella pappa non va. Se invece "pensate positivo", ci sono ottime probabilità che il vostro gatto faccia lo stesso!

[ ↑ skip to content ↑ ]