Guida al taglio delle unghie dei gatti

Pubblicato da
' Tempo di lettura

Come proprietario di un animale conosci l’importanza di provvedere alla sua “manutenzione” e spazzoli regolarmente i denti e il mantello del tuo gatto. Ma ogni tanto gli tagli anche le unghie? Dovresti farlo!

Tagliare le unghie al tuo gatto è importante non solo per preservare l’integrità dell’arredamento di casa, ma per tante altre ragioni, a cominciare dal farti meno male quando “ti massaggia”. Vetstreet spiega che eliminando la parte terminale delle unghie quel gesto di affetto diventa finalmente gradevole anche per il proprietario. “E per il gatto significa evitare il dolore causato dalle unghie che si spezzano perché, ad esempio, sono così lunghe e affilate da restare impigliate nella trama dei tappeti.” Con un buon taglio si elimina anche il fastidioso ticchettio che il gatto produce correndo sui pavimenti di casa.

L’ideale sarebbe iniziare a tagliare le unghie al tuo amico felino quando è ancora piccolo. In questo modo si abituerà all’operazione e non darà i numeri appena vede comparire il tagliaunghie.

Ma anche se il tuo gatto è già grande non preoccuparti, c’è ancora la possibilità che accetti la manicure. Potrebbe prenderla male, ma vale la pena di provare.

Fluffy dark gray cat lying down with claws extended into carpet. The fur is gray fluffy

Gli strumenti

Puoi acquistare un tagliaunghie per gatti in un negozio di articoli per animali o presso un ambulatorio veterinario. Potresti anche adoperare delle forbicine per bambini, meglio se con il manico spesso che offre una presa migliore.

Per prima cosa, fa’ in modo che il gatto acquisti dimestichezza con il tagliaunghie. Petcha consiglia di avvicinarglielo e lasciare che lo annusi ben bene. Premialo se reagisce con calma. Poi, “quando gli sarà diventato familiare, tocca con il tagliaunghie le zampe e le dita del gatto per abituarlo alla presenza dell’oggetto in prossimità delle unghie”. 

Se si abituerà a non percepirlo come un pericolo sarà meno incline a fuggire e nascondersi in posti inaccessibili ogni volta che lo sfodererai.

Come tagliare le unghie e quanto accorciarle

  1. Scegli un luogo piccolo e sicuro che abbia una porta e una buona illuminazione, come un bagno o una camera da letto.
  2. Prepara l’occorrente prima di cominciare: il tagliaunghie e qualche bocconcino con cui premiare il gatto per essersi comportato bene.
  3. Siediti a terra e tieni il gatto in grembo a pancia in su. Tranquillizzalo con qualche grattatina e parlandogli dolcemente. Se il tuo gatto risponde bene a questo tipo di incentivo, offrigli uno snack per aiutarlo a rilassarsi.
  4. Premi delicatamente la zampa del gatto tra l’indice e il pollice per far fuoriuscire le unghie.
  5. Taglia l’estremità appuntita dell’unghia con un solo movimento veloce.

Non tagliare troppo vicino alla polpa, la parte rosa dell’unghia che ospita vasi sanguigni e terminazioni nervose. Tagliare questa parte viva dell’unghia provoca sanguinamento e dolore. Se ti capita di farlo per errore, il Princeton Veterinary Hospital consiglia di strofinare sull’unghia un po’ di amido di mais o farina esercitando una certa pressione per favorire la coagulazione e fermare il sanguinamento. A questo punto sarà meglio desistere per quel giorno e lasciare che il gatto si riprenda dal punto di vista emotivo.

Consigli per il taglio e cose da evitare

Non avvolgere il gatto in un asciugamano: potrebbe agitarsi di più.

Non prefiggerti di tagliare le unghie delle quattro zampe in una sola sessione. Prova con una zampa al giorno finché il gatto non si abitua all’operazione. Puoi anche tagliare una sola unghia per seduta. Secondo VCA Hospitals, “l’obiettivo è che l’animale associ la manipolazione delle zampe e il taglio delle unghie a un risultato piacevole”. Ricompensarlo per essersi comportato bene sarà motivo di orgoglio e gratificazione per lui ma anche per te, che hai raggiunto il tuo obiettivo.

Quando è il caso di abbandonare l’impresa

Se la procedura si rivela al di sopra delle tue forze, affidala al veterinario o a un tolettatore di fiducia. Rinuncerai a una carriera di neutralizzatore di artigli felini, ma dopo tutto devi fare ciò che è meglio per te e per il tuo amico a quattro zampe.

Contributor Bio

Christine O'Brien

Christine O'Brien

Christine O'Brien è scrittrice, mamma e da tanti anni proprietaria di gatti: i suoi due Blu di Russia sono i veri padroni della casa. I suoi articoli su animali domestici, gravidanza e vita in famiglia sono pubblicati anche su Care.com, What to Expect e Fit Pregnancy. La trovi e puoi seguirla su Instagram e Twitter @brovelliobrien.

Articoli Correlati

Prodotti Correlati