La forfora nel gatto - Cause e come trattarla.

min tempo di lettura

Gatto rosso in braccio alla sua proprietaria. Il gatto ha un aspetto sano e attivo

Trova l'alimento che soddisfa le esigenze del tuo animale.

Find a dog food that fits your pet’s needs

Find a cat food that fits your pet’s needs

Hai notato che il tuo gatto ha la pelle secca, che si squama e ricorda la forfora? Nell'ambito del rinnovamento cutaneo è normale notare un po' di forfora, ma quando diventa molto evidente, può essere che ci sia qualcosa che non va. 

I gatti presentano molta forfora per due motivi principali. È possibile che il tuo gatto presenti una normale quantità di forfora ma che non la elimini. In alternativa, le quantità anomale di forfora potrebbero avere una causa sottostante. Vediamo i possibili motivi e cosa puoi fare.

Assenza della normale toelettatura

I gatti sono molto attenti alla pulizia e di solito trascorrono ore e ore al giorno a pulirsi e a mantenere il loro pelo e la loro pelle in ottime condizioni. Ci sono due fattori principali che possono ostacolare fisicamente questo obiettivo: l'obesità e il dolore, come nel caso dell'artrite. Se il tuo gatto è obeso, cosa purtroppo molto comune al giorno d'oggi, potrebbe non essere fisicamente in grado di raggiungere tutti i punti in cui ha bisogno di pulirsi. Questo problema affligge soprattutto la parte posteriore del corpo.

L'effetto del dolore cronico sulla normale toelettatura dipende dalla parte del corpo interessata. Quando i gatti invecchiano, molti sviluppano l'artrite in articolazioni come le anche, i gomiti e le spalle. Un dolore di questo tipo rende difficile assumere le fantastiche posizioni che siamo abituati a vedere nei nostri gatti, e ciò porta all'accumulo di scaglie di pelle e peli morti.

Le cause sottostanti che portano all'accumulo della forfora

  • Malattia allergica della pelle. I gatti possono essere allergici a fattori ambientali (dermatite atopica) come pollini e graminacee e ad alcuni ingredienti dei loro alimenti. 

     

  • Parassiti. Le pulci e alcuni acari possono causare irritazione e formazione di forfora. Alcuni acari sono contagiosi anche per gli esseri umani, quindi fai attenzione agli eventuali segni su di te o sui bambini.

  • Anche le infezioni cutanee, sia batteriche che fungine, possono provocare la forfora.

  • Altri problemi medici, come le malattie renali o l'ipertiroidismo, possono causare un peggioramento delle condizioni della pelle e del mantello.

  • Malnutrizione. Se un animale è malnutrito, la sua pelle è una delle prime cose a mostrare segni di sofferenza.

Che cosa dovresti fare se il tuo gatto ha la forfora?

Potrebbe non essere necessario fare nulla, se non spazzolare di più il gatto e vedere se la situazione migliora. Tuttavia, è necessario contattare il veterinario nel caso in cui il tuo gatto:

  • Sembra sofferente o si comporta in modo diverso.

  • Si lecca eccessivamente.

  • Si gratta molto o sembra avvertire prurito.

  • Beve più del solito.

  • È obeso.

  • Perde il pelo o presenta chiazze senza pelo o con croste.

  • Nello stesso periodo anche tu o un altro membro della famiglia soffrite di prurito, in quanto alcune cause della forfora nei gatti possono essere contagiose per gli esseri umani.

Il veterinario potrebbe voler effettuare alcuni test per scoprire l'esatta causa della forfora e consiglierà un trattamento in base ai risultati. Può darsi che il veterinario individui dei parassiti o un'infezione facili da trattare, oppure un'altra condizione medica da affrontare. Il veterinario potrebbe anche consigliarti di cambiare alimento per escludere un'allergia alimentare o e vedere se il tuo gatto tragga beneficio da un alimento formulato per la salute ottimale della pelle e del mantello. Questi alimenti presentano alti livelli di oli omega e antiossidanti, il giusto equilibrio di minerali per la salute ottimale della pelle e proteine di buona qualità.

In breve, è probabile che, in piccole quantità, la forfora non sia nulla di preoccupante, ma se persiste o aumenta, allora una visita dal veterinario è sempre una buona idea. Prevenire è sempre meglio che curare.

Controllato e corretto dal Dottor Hein Meyer, DVM, PhD, Dipl-ECVIM-CA