Prebiotici per i gatti: che cosa sono e perché sono così importanti per la salute dell'apparato digerente del gatto?

min tempo di lettura

Un gatto mangia da una ciotola di croccantini al centro di una cucina

Trova l'alimento che soddisfa le esigenze del tuo animale.

Find a dog food that fits your pet’s needs

Find a cat food that fits your pet’s needs

La natura è meravigliosa e affascinante. Come tutti i mammiferi e gli esseri umani, anche i gatti hanno nel loro intestino miliardi di organismi, come i batteri; questi microorganismi, che giocano un ruolo in tutta una serie di processi naturali, sono noti collettivamente come microbioma intestinale. I gatti hanno una relazione simbiotica con questi organismi: convivono e si avvantaggiano a vicenda in molti modi. 

Nel corpo del tuo gatto ci sono molti microbiomi diversi, ad esempio sulla pelle e nella bocca, ma il microbioma intestinale è una vera e propria star. Molti scienziati sono entusiasti del microbioma intestinale: la ricerca scopre ogni giorno di più i ruoli incredibili e importanti che esso svolge per la salute. 

Qui entrano in gioco i prebiotici… 

Che cosa sono i prebiotici e che cosa fanno?

I prebiotici sono tipi di fibre che nutrono gli organismi che compongono il microbioma (anche i microrganismi devono mangiare, giusto?).

Le fibre presenti negli alimenti possono essere suddivise in solubili (che si sciolgono in acqua) e insolubili (che non si sciolgono). I prebiotici sono fibre solubili presenti in ingredienti come la polpa di barbabietola, i semi di lino e la zucca. Nutrono i "batteri buoni" del microbioma e sono quindi assolutamente essenziali per preservare un equilibrio sano, proprio come previsto dalla natura.

I batteri buoni scompongono gli ingredienti presenti negli alimenti, come le fibre, che il corpo del gatto non è in grado di elaborare. Questa scomposizione produce acidi grassi a catena corta, oltre ad altre sostanze nutritive, che nutrono le cellule intestinali e mantengono l'intestino in salute. A sua volta, ciò contribuisce a tenere lontani i batteri nocivi rinforzando la barriera intestinale. I batteri buoni aiutano anche a produrre importanti vitamine e a rinforzare il sistema immunitario, tenendo sotto controllo i batteri "non sani".

Forse avrai sentito anche il termine "probiotici" ed è importante conoscere la differenza tra i due.

Prebiotici o probiotici?

Il termine probiotici indica i batteri buoni. Un integratore probiotico mira a rafforzare la popolazione di batteri buoni semplicemente aggiungendone di più. Ciò è certamente positivo, in quanto promuove la salute intestinale e protegge da alcune malattie, ma i probiotici presentano alcuni aspetti negativi rispetto ai prebiotici.

Lo stomaco è un ambiente acido e aggressivo. Molti dei batteri contenuti negli integratori probiotici non vi sopravvivono, quindi non riescono a raggiungere la parte dell'intestino in cui servono. Inoltre, rispetto ai trilioni di batteri presenti nel microbioma intestinale, anche i milioni di batteri che riescono a sopravvivere all'ambiente dello stomaco costituiscono solo una frazione minuscola del totale. Pertanto, gli effetti dei probiotici sono spesso di breve durata.

I prebiotici, invece, non vengono intaccati dai succhi gastrici e quindi arrivano sempre dove servono. Inoltre, i prebiotici sono fibre e possono quindi presentare altri benefici.

I numerosi benefici dei prebiotici per il tuo gatto

Le fibre aiutano a rallentare il transito degli alimenti attraverso l'intestino, perciò possono aiutare in caso di diarrea. Inoltre, rendono più voluminose le feci e possono quindi essere utili anche in caso di stitichezza. Furbo, vero? 

Le fibre aiutano anche il tuo gatto a sentirsi sazio più a lungo, quindi possono contribuire a mantenerlo snello e in forma o aiutarlo a risolvere eventuali problemi di peso. 

Il microbioma intestinale è molto importante anche per il sistema immunitario del tuo gatto. Mantenere questo ambiente e i batteri buoni che lo abitano ben nutriti contribuisce a combattere le infezioni, a preservare la forza del sistema immunitario e a ridurre l'incidenza delle malattie autoimmuni. 

È importante ricordare che tutte le diete devono essere complete e bilanciate, quindi consulta sempre il tuo veterinario prima di aggiungere un ingrediente o di passare a un nuovo alimento.

Controllato e corretto dal Dottor Hein Meyer, DVM, PhD, Dipl-ECVIM-CA