Che cos'è la sindrome del cane di piccola taglia?

min tempo di lettura

Piccolo cane bianco tra le braccia del suo proprietario, con un'espressione allegra e felice

Trova l'alimento che soddisfa le esigenze del tuo animale.

Find a dog food that fits your pet’s needs

Find a cat food that fits your pet’s needs

Il tuo cane di piccola taglia si comporta male e non ti ascolta? I tuoi amici ridono perché il tuo piccolo amico a quattro zampe ha "una grande personalità intrappolata in un corpo piccolo"? Se sì, potrebbe essere un modo educato per dirti che il tuo cagnolino ha la "sindrome del cane di piccola taglia". Sebbene la sindrome del cane di piccola taglia non sia definita scientificamente, è certamente qualcosa che noi veterinari riconosciamo nella pratica clinica, così come la conoscono molti proprietari di questi mini-cani.

La sindrome del cane di piccola taglia è un insieme di comportamenti come:

  • Saltare addosso alle persone.

  • Scattare e abbaiare contro le persone, gli altri cani e gli oggetti come i passeggini.

  • Disobbedire o ignorare il padrone.

  • Mostrare aggressività, ad esempio mordendo l'aria, ringhiando o morsicando.

  • Saltare sui mobili.

  • Mostrare riluttanza a camminare al guinzaglio.

Molte persone tollerano, o addirittura si aspettano dai cani di piccola taglia questi comportamenti. che però non tollereremmo nei cani più grandi. Per questo motivo, molti di questi comportamenti possono essere dovuti ad aspetti minori che i proprietari rinforzano, non trattando i loro cani di piccola taglia come se fossero cani grandi. Ecco un paio di esempi di come si può arrivare a questo punto…

Immaginati di essere fuori per una passeggiata e di vedere un cane più grande. Potresti avvertire l'impulso di prendere in braccio il tuo cagnolino per evitare che si faccia male, ma il tuo cane percepirà la tua ansia e imparerà che l'incontro con un cane più grande è motivo di preoccupazione. Il rinforzo costante può creare paura e aggressività ogni volta che si presenta una determinata situazione e questa mentalità può rapidamente radicarsi. Col tempo, il cagnolino inizierà a prevenire queste situazioni ringhiando e abbaiando prima ancora che sia successo qualcosa.

E poi c'è il fattore "piccolo e carino"! Un cane di grossa taglia che salta addosso alle persone o fa un balzo incute timore e potrebbe essere considerato pericoloso, anche se si sta comportando in modo amichevole; quindi, questo comportamento viene corretto e affrontato fin dalla più tenera età. Ma un cucciolo di piccola taglia che ti mordicchia le caviglie? Ebbene, in confronto questa situazione viene spesso considerata abbastanza innocua, per cui il cane piccolo riesce semplicemente a fare cose che un cane più grande non farebbe. Proprio come un bambino viziato, impara che può fare quello che vuole senza subire ripercussioni.

Che cosa puoi fare per la sindrome del cane di piccola taglia?

Come per molte altre cose nella vita, prevenire è meglio che curare. Scegli il tuo cucciolo con cautela, osservando attentamente il comportamento dei genitori e come i cuccioli reagiscono in tua presenza in giovane età. Quando lo porti a casa, chiedi informazioni al veterinario sui corsi di socializzazione, in modo che il cucciolo possa incontrare in sicurezza cani di tutte le taglie e persone di vario tipo, imparando che interagire con loro non è motivo di preoccupazione. Prova a immaginare che il tuo cane abbia le dimensioni di un Labrador. Vorresti che saltasse sulle tue ginocchia, che balzasse e scattasse contro qualcuno che cammina per strada o che non tornasse quando lo chiami? No!

Un buon addestramento, la socializzazione e l'adattamento sono essenziali per tutti i nostri amici a quattro zampe, affinché possano essere membri felici e ben adattati delle nostre famiglie, indipendentemente dalla loro taglia. È meglio anche per il tuo cane. Se avrà regole e limiti coerenti fin dall'inizio, a lungo andare si sentirà più tranquillo e meno ansioso. Ricorri sempre a un addestramento basato su ricompense positive per incoraggiare i comportamenti che desideri, piuttosto che punire quelli che non ti piacciono.

Se il tuo piccolo amico mostra già i segni della sindrome del cane di piccola taglia, cerca aiuto il prima possibile. I problemi comportamentali possono essere corretti, ma più a lungo vengono tollerati, più è difficile. Chiedi sempre al veterinario di consigliarti un veterinario comportamentalista o un educatore cinofilo qualificato. Assicurati di rivolgerti a un esperto e non tollerare mai tecniche di addestramento negative e basate sulle punizioni.

I cani piccoli non sono necessariamente affetti dalla sindrome del cane di piccola taglia e possono essere ottimi compagni e membri affettuosi della tua famiglia. E tu, in qualità di proprietario, puoi svolgere un ruolo importante affinché ciò diventi realtà.

Controllato e corretto dal Dottor Hein Meyer, DVM, PhD, Dipl-ECVIM-CA