Sindrome dell'intestino irritabile (IBS) nei gatti: sintomi, cause e trattamenti

min tempo di lettura

Un gatto grigio in posizione insolita sul bracciolo di un divano. Ha occhi di un blu intenso e un pezzetto di lingua visibile

Trova l'alimento che soddisfa le esigenze del tuo animale.

Find a dog food that fits your pet’s needs

Find a cat food that fits your pet’s needs

Il tuo gatto soffre di attacchi improvvisi di diarrea o dolore addominale quando prova a defecare? In tal caso, potrebbe soffrire di sindrome dell'intestino irritabile, o IBS. Talvolta questa condizione viene confusa con la malattia infiammatoria intestinale (IBD), ma le due patologie sono diverse. Di solito nei gatti la causa scatenante dell'IBS è lo stress e i sintomi sono acuti; per IBD, invece, si intende una varietà di problemi che provocano un'infiammazione cronica dell'intestino, o enteropatie croniche, come vengono chiamate oggi.

Quali sono le cause dell'IBS nei gatti e quali sintomi provoca?

Nei gatti l'IBS è solitamente scatenata da eventi stressanti, come ad esempio visitatori, un nuovo gatto, un neonato o una visita dal veterinario. L'intestino è in subbuglio e il micio prova parecchio disagio. Potresti notare che il tuo gatto appare depresso o letargico, o sembra dolorante quando prova a fare i bisogni. Potrebbe anche vomitare. Potresti notare del muco o del sangue nelle feci, oppure vederlo entrare e uscire dalla lettiera molto più spesso del solito. Se fa i bisogni all'esterno, potresti accorgerti soltanto che esce e rientra più di frequente. Potrebbe anche essere inappetente.

Qual è il trattamento per l'IBS e come alimentare il tuo gatto con sindrome dell'intestino irritabile?

Il veterinario potrebbe somministrargli dei farmaci contro la nausea e per alleviare il dolore colico e i segni dell'IBS. È importante che il tuo gatto continui a mangiare, se possibile, perché l'intestino guarisce molto più rapidamente se l'alimentazione non si interrompe. Probabilmente il veterinario prescriverà al tuo gatto una dieta per il supporto gastrointestinale, in modo che sia ben nutrito anche se mangia meno del solito. Questi alimenti sono altamente digeribili e a base di ingredienti di alta qualità, oltre a contenere spesso nutrienti quali gli acidi grassi Omega 3 per ridurre l'infiammazione. Nella composizione sarà presente un mix di fibre prebiotiche per contribuire a nutrire il microbioma e preservare la salute intestinale. Una volta risolti i sintomi, il tuo gatto potrebbe essere in grado di riprendere la sua dieta normale: il tuo veterinario ti consiglierà la cosa migliore da fare.

Fondamentalmente, il modo migliore per trattare l'IBS nei gatti consiste nel gestire le fonti di stress. Se si è trattato soltanto di un episodio isolato, come visitatori chiassosi o un appuntamento dal veterinario, potresti non avere molto da fare. Se invece in casa sono presenti dei conflitti tra gatti, il problema potrebbe diventare ricorrente.

I gatti possono sembrare le creature più tranquille e rilassate al mondo, ma in realtà risentono molto dello stress anche se non mostrano segni evidenti. Sono predatori, ma sono anche preda di animali più grandi, quindi prestano attenzione ai pericoli e amano avere sempre una via di fuga. Vivono nelle tre dimensioni, quindi cercano rifugio in posti elevati come librerie e piani di lavoro per sentirsi al sicuro. 

I gatti sono per loro natura animali solitari. Possono convivere in alcune situazioni, ma molti gatti si ritrovano a condividere la loro casa o il giardino con uno o più gatti che non amano, e per loro può essere molto stressante. Altri gatti sono una minaccia per le loro preziose risorse: cibo, acqua, lettiera... e tu! Per molti gatti vivere al chiuso può essere una fonte di stress e frustrazione per l'impossibilità di andare in giro a esplorare.

I segni più comuni dello stress sono:

  • Pulizia eccessiva e perdita del pelo, in particolare sull'addome e attorno alle zampe posteriori (per prima cosa, escludi sempre la presenza di pulci!).

     

  • Problemi urinari. La cistite legata allo stress è un problema comune nei gatti. Potresti notare che il tuo gatto va nella lettiera ma emette solo poche gocce alla volta. Consulta sempre il veterinario se pensi che il tuo gatto possa soffrirne perché può essere una condizione molto seria. 

  • Bisogni in luoghi insoliti. Se uno dei tuoi gatti è intimorito dagli altri e non riesce ad accedere al giardino o alla lettiera, potrebbe iniziare a fare i bisogni in altre parti della casa.

Alleviare lo stress a casa

Potrai apportare alcune piccole modifiche in casa per aiutare il tuo gatto, in particolare se ne hai più di uno:

  • Parla con il tuo veterinario della dieta a lungo termine. Esistono alcuni alimenti con additivi naturali che hanno dimostrato di poter ridurre l'ansia e alleviare lo stress nei gatti. Anche gli alimenti umidi sono sempre una buona idea (sebbene non essenziali) perché l'assunzione di acqua è molto importante in caso di problemi alla vescica legati allo stress.

  • Tieni sempre a disposizione un numero di lettiere superiore a quello dei gatti, disponendole in più luoghi della casa in modo che l'accesso sia sempre disponibile.

  • Lo stesso vale per le ciotole di cibo e acqua. Anche in questo caso, dovrebbero essere disposte in più punti dell'abitazione. Per te potrebbe essere scomodo, ma per i tuoi gatti è decisamente meglio. In questo modo tutti i tuoi gatti potranno mangiare e bere, senza bisogno di litigare tra di loro.

  • I diffusori di feromoni possono essere di grande aiuto. Chiedi informazioni al tuo veterinario.

  • Esamina la tua casa e individua i luoghi in cui i tuoi gatti potrebbero incrociarsi. Fornendo loro mensole e mobili che consentano a uno dei due di "prendere la sopraelevata" in passaggi stretti, potrai fare tutta la differenza.

Come sempre, se non hai la certezza del problema, parlane con il veterinario. Saremo sempre lieti di aiutarti: in caso di problemi, non aspettare.

Controllato e corretto dal Dottor Hein Meyer, DVM, PhD, Dipl-ECVIM-CA