Hill's Logo

La scienza dietro il tuo cane e il suo comportamento

Pubblicato da
min tempo di lettura

Trova l'alimento che soddisfa le esigenze del tuo animale.

Find a dog food that fits your pet’s needs

Find a cat food that fits your pet’s needs

Lo studio dei cani è un ambito in crescita, poiché sempre più ricercatori dedicano il loro tempo e le loro risorse a comprendere i funzionamenti interni del nostro migliore amico, la cui vita è ormai profondamente intrecciata alla nostra. Dalla biologia alla psicologia del cane, abbiamo molte informazioni sui cuccioli e sul loro comportamento. Sei curioso di sapere cosa dice la scienza sul tuo cane? Continua a leggere per scoprire le ultime novità in questo campo.

Perché i cani dormono così tanto?

Puppy sleeps on her back in a brown dog bed with toys around her.Tutti i cani hanno bisogno di più sonno rispetto agli umani, ciò dipende dalla quantità di sonno REM che i cani riescono a ricavare. Mentre gli umani trascorrono circa il 25 per cento del loro sonno in cicli REM (la fase più profonda e riposante del sonno), solo il 10 per cento del sonno di un cane è di questo tipo. Ciò significa che i cani hanno bisogno di dormire più a lungo per raggiungere la stessa quantità di riposo.

Cosa dicono i cani quando abbaiano?

Nonostante i cani abbaino per una serie di motivi, i biologi in passato pensavano che il loro abbaiare non cambiasse in relazione al messaggio. Negli ultimi anni, tuttavia, i vari studi sulla biologia del cane hanno scoperto che i nostri amici a quattro zampe presentano elasticità nelle loro corde vocali, che gli permette di alterare leggermente i loro latrati per comunicare significati diversi, secondo Scientific American.

Le immagini spettrografiche del latrato del cane hanno mostrato differenze di tempo, intonazione e ampiezza, che variano in base al contesto. Lo stesso vale per il ringhio. I ricercatori non hanno ancora scoperto cosa significhino queste differenze di latrato e ringhio, tuttavia gli esperimenti hanno dimostrato che i cani reagiscono in modo diverso ai vocalizzi di altri cani, in base al contesto in cui si trovano. Ad esempio, alcuni scienziati hanno registrato un ringhio canino davanti ad una ciotola di croccantini e davanti ad un estraneo. Riproducendo il "ringhio davanti ai croccantini" mentre offrivano uno snack ad un altro cane, quest'ultimo esitava ad accettare lo snack, mentre non sembrava così indeciso se ascoltava il "ringhio ad un estraneo". Altri esperimenti hanno dimostrato che i cani e le persone sono molto inclini a reagire ad un "latrato verso uno sconosciuto", rispetto ad altri tipo di latrati. Sono necessari ulteriori studi scientifici sulla natura del cane per decifrare ogni ringhio e latrato, ma è ormai chiaro che dietro al cane che abbaia si nasconde una comunicazione più complessa: non lo fanno solo per gioco.

Quanto può correre veloce il cane?

Ovviamente dipende dalle caratteristiche di ogni cane. La velocità è legata alla taglia, alla forma del corpo e alla lunghezza delle zampe, così come ad età, salute e condizione fisica. Il levriero è il cane più veloce al mondo ed è in grado di raggiunge gli 80 km all'ora. L'esemplare più veloce di questa razza ha raggiunto i 93 km all'ora, secondo Wag!. I levrieri e altre razze canine snelle, come i whippet e i levrieri afgani, sembrano essere nati per la velocità, mentre tutti i cani presentano una grande abilità nel rendere i propri corpi più aerodinamici quando corrono, che sia appiattendo le orecchie per diminuire la resistenza al vento o spingendole indietro per evitare di inciamparci.

Anche il loro modo di muovere le zampe cambia al momento della corsa. Un cane che cammina muove le zampe destre e le zampe sinistre insieme, mentre un cane in corsa balza con le sue zampe anteriori e posteriori accoppiate, per raggiungere velocità maggiori.

Quanto in alto può saltare un cane?

Per alcuni cani, raggiungere il divano non è certo una missione impossibile, per altri le scale potrebbero costituire una vera e propria sfida da affrontare, infine ci sono cani che non riusciamo a tenere in giardino perché riescono a scavalcare con facilità il recinto. Proprio come per la corsa, l'abilità di saltare dipende da taglia, forza, età, salute e condizione fisica del cane. Secondo gli studi, alcuni cani possono raggiungere un'altezza di 1,80 m, ma ciò che sorprende ancora di più è che, saltando, i cani di piccola taglia possono raggiungere un'altezza pari a più volte la loro statura. Un altro elemento interessante del salto dei cani è la distanza che riescono a raggiungere con un balzo. Nelle competizioni di tuffi canini, i cani vengono addestrati per correre e saltare in acqua: alcuni raggiungono una distanza di 9 metri, secondo The Labrador Site.

Com'è la vista dei cani?

Gli occhi di un cane sono incredibili e possono vedere cose che noi non siamo in grado di individuare. Tuttavia, la vista dei cani non è sempre migliore di quella degli uomini. Secondo Veterinary Vision, gli occhi del cane, che si trovano sui lati della testa, garantiscono un'ottima visione periferica, tuttavia la loro acutezza visiva (la capacità di focalizzarsi sugli oggetti) è pari solo al 20-40% di quella umana. Ciò significa che un determinato oggetto che un cane può distinguere ad un distanza di 6 metri, un uomo con il massimo delle diottrie è in grado di vederlo ad una distanza di 27 metri. Per questo motivo, i cani si affidano agli altri sensi per spostarsi nel mondo.

Com'è l'udito dei cani?

L'udito dei cani non è una leggenda, si tratta, infatti, di una caratteristica biologica impressionante che li ha aiutati nel corso di migliaia di anni. Secondo Petful, un cane può percepire un suono fino a quattro volte più lontano rispetto ad un umano. I cani hanno la possibilità di usare le orecchie indipendentemente una dall'altra e di cambiare la direzione verso cui stanno ascoltando: ciò li aiuta a focalizzarsi sul suono che gli interessa. Sono in grado di farlo grazie ai 18 muscoli nelle orecchie del cane (tre volte più numerosi rispetto ai nostri). I cani hanno anche la capacità di ascoltare frequenze diverse, motivo per cui il suono del fischietto per cani, ad esempio, viene percepito dal cane ma non dall'uomo. Infine, i cani riescono anche a selezionare cosa vogliono ascoltare, perciò quando tu chiami il tuo cane in giardino per farlo entrare in casa e sembra ignorarti, probabilmente ti vuole ignorare.

Perché i cani sono così contenti di vederci?

Two pomeranian dogs smiling in car.Ogni! Signola! Volta! La felicità dei cani ogni volta che rivedono i loro padroni è uno dei motivi per cui li amiamo così tanto. Ma a cosa è dovuta tutta questa gioia?

Ci sono tre diversi fattori da considerare, secondo io9. In seguito ad esami cerebrali di cani esposti a determinati odori, i ricercatori hanno scoperto che il profumo di un familiare umano stimola il lobo temporale del cervello, in particolare la sensazione di riconoscimento, come nessun altro odore è in grado di fare. Ciò suggerisce che non solo i cani riconoscono la differenza tra esseri umani e altri cani, ma che amano semplicemente trascorrere il loro tempo con noi.

Un altro studio ha applicato un esperimento cognitivo pensato per i bambini che rivedono la madre dopo un periodo di separazione alla valutazione del comportamento del cane che rivede il padrone, e i risultati sono molto simili. È importante ricordare che i cani sono animali sociali che non amano essere lasciati da soli. Per loro, i segnali del nostro ritorno sono un sollievo dopo la solitudine. Tenendo in considerazione tutti questi elementi, non ci sorprende vedere un cane così felice quando si riunisce alle sue persone preferite.

Perché esistono così tante razze canine?

I cani costituiscono una delle specie più diversificate al mondo. Il britannico The Kennel Club riconosce ben 218 razze canine, senza contare tutte le varianti regionali, le razze miste e i bellissimi meticci di tutto il mondo.

Se consideriamo tutti i loro colori, le dimensioni, le taglie e i caratteri, gli scienziati credono che i cani si siano allontanati geneticamente dai lupi circa 27.000 anni fa. Possiamo ringraziare gli antichi geni da raccoglitori e cacciatori dominanti nei nostri amici a quattro zampe e la manipolazione della loro espressione da parte dell'uomo che hanno portato alle generazioni di cani che conosciamo oggi.

La manipolazione genetica va avanti da quando i cani sono stati addomesticati, ma è nel XIX secolo che si è iniziato a dare vita alle diverse razze canine per motivi estetici e per il desiderio di novità, piuttosto che per motivi di caccia o di lavoro con il gregge. Questa pratica continua ancora oggi, infatti il numero di razze canine e la loro diversificazione continua a crescere.

Non c'è dubbio che i cani siano speciali, così com'è il nostro legame con loro. In un'era in cui la scienza canina continua a crescere, continuiamo a scoprire sempre più sui nostri compagni di vita pelosi. La ricerca scientifica potrà darci mille informazioni che ancora non sappiamo, ma di una cosa siamo sicuri e non abbiamo bisogno di leggerla in nessuno studio: ogni singolo cane è semplicemente fantastico.

Autrice

Jean Marie Bauhaus

Jean Marie Bauhaus

Jean Marie Bauhaus è un'amante degli animali, una pet blogger e una scrittrice di Tulsa, Oklahoma (USA), dove solitamente scrive sotto la supervisione dei suoi amici pelosi.

Articoli correlati

Prodotti correlati