Forfora nei cani: dati, prevenzione e trattamento

Pubblicato da
min tempo di lettura

Avrai sicuramente incontrato qualcuno che combatte contro la forfora, ma sapevi che anche i cani ne soffrono? Potresti aver notato che il tuo cucciolo si gratta più spesso del solito o che la sua cuccia è ricoperta da scaglie bianche. Oltre alla pelle irritata, questi segni possono indicare una condizione cutanea chiamata forfora.

Quando dovresti rivolgerti al veterinario per risolvere questo problema? I segni della forfora canina possono essere molto simili ad altri problemi cutanei, perciò è importante sapere cosa cercare e quali sono le possibili opzioni di trattamento da considerare.

Beagle che si gratta l'orecchio.

La forfora nei cani: i dati

La forfora è la presenza di cellule cutanee morte sul manto del cane. In base al colore del pelo del tuo amico a quattro zampe, potrebbe essere difficile notare queste scagliette bianche, ma spesso sono visibili sul divano o sui tuoi vestiti.

La pelle del cane si può irritare per varie ragioni. Dalla cattiva abitudine di leccarsi eccessivamente ad un problema nutritivo, la causa di fondo della forfora potrebbe essere difficile da identificare. Prima di tutto è importante chiedersi se la forfora si trova sull'intero manto del cane o solo in un'area specifica. Se l'irritazione si concentra su un'area specifica, si potrebbe trattare di una reazione a qualche sostanza con cui il tuo cane è venuto a contatto, o potrebbe indicare un problema più serio come un'infezione o un parassita. Se noti della forfora, vai dal veterinario per una visita. Se noti ulteriori segni come prurito, pelle arrossata, irritazione o zone squamose in cui cade il pelo, sarebbe una buona idea consultare immediatamente il veterinario. Poiché i problemi cutanei possono avere cause genetiche, ambientali, nutritive o parassitarie, potrebbe essere necessario esplorare diverse opzioni di trattamento.

Prevenzione e trattamento della forfora

Per prevenire la forfora e altri problemi cutanei nei cani è possibile mettere in atto alcune accortezze. Secondo gli esperti di DoctorVet, spazzolare regolarmente il cane evita la creazione di forfora. Spazzolature frequenti rimuovono i nodi, evitano che i parassiti si annidino e aiutano a stimolare la produzione di oli naturali della pelle e del pelo. Ti permettono anche di controllare la presenza di bozzi sospetti, noduli, pulci, zecche e altri eventuali problemi.

Il tuo veterinario potrebbe consigliarti di fare il bagno al cane più spesso del solito per prevenire la forfora. I veterinari di Amicovet consigliano di utilizzare shampoo appositamente pensati per cani che soffrono di forfora. Assicurati di asciugare il tuo amico a quattro zampe dopo il bagno.

Se le misure preventive come spazzolare e fare il bagno non risolvono il problema di forfora del cane, rivolgiti al veterinario per considerare nuovi croccantini o prove allergiche. Il veterinario può aiutarti a trovare nuovi alimenti con ingredienti come omega-3, acidi grassi e vitamina E che garantiscono un manto e un sistema immunitario sani.

Cane che fa il bagno.

La differenza tra forfora e forfora che cammina

La forfora del cane può essere dovuta ad una causa più seria: la forfora che cammina. La forfora che cammina è uno dei sintomi più comuni della cheyletiellosi, una malattia che dipende da parassiti bianchi che si muovono indisturbati sul manto del tuo animale. Gli esperti del blog Il mio cane è leggenda spiegano che la pelle abitata da questi parassiti appare squamosa, a scaglie, soprattutto nella parte posteriore e superiore del corpo e il prurito si può manifestare in maniera più o meno intensa. Questa condizione è estremamente contagiosa e può essere attaccata facilmente agli altri animali di casa come gatti e conigli, perciò è importante vedere il veterinario il prima possibile.

Purtroppo, non c'è una cura rapida per la forfora che cammina. Il veterinario prescriverà probabilmente un trattamento topico chiamato bagno disinfettante che servirà a ricoprire il pelo del tuo animale con un farmaco antiacari. Bagni e altri trattamenti possono essere ripetuti una o due volte a settimana fino a un massimo di sei settimane. Dovresti portare dal veterinario anche tutti gli altri animali di casa per un trattamento antiacari; inoltre, potrebbe essere necessario trattare la tua casa con un pesticida pensato per acari e pulci.

A nessuno piace vedere il proprio cucciolo grattarsi e stare male. Una volta risolto il problema, tu e il tuo amico peloso potrete ricominciare a trascorrere il tempo insieme e a fare tutto ciò che amate.

Autore

Chrissie Klinger

Articoli correlati