Hill's Logo

La storia di "litigare come cani e gatti"

Pubblicato da
min tempo di lettura

Trova l'alimento che soddisfa le esigenze del tuo animale.

Find a dog food that fits your pet’s needs

Find a cat food that fits your pet’s needs

"Litigano come cani e gatti!" è una metafora comune, ma è vera? Cani e gatti possono andare d'accordo?

La convivenza tra cani e gatti è sovente associata a continui disaccordi. Spesso i disaccordi sfocerebbero in forti litigi (con gli artigli spianati). Ma la convivenza non deve necessariamente essere complicata.

Spesso considerati "nemici naturali" per i loro ruoli opposti nel regno degli animali selvatici, cani e gatti hanno coabitato non proprio pacificamente in Africa per migliaia di anni prima di essere addomesticati dagli umani, epoca in cui pare che continuassero a essere ai ferri corti.

Tuttavia, ciò non significa che i tuoi amici pelosi siano destinati a essere acerrimi nemici per sempre. In realtà, a volte possono essere migliori amici!

Cucciolo di labrador miele e gattini che dormono insiemeCome tutto è iniziato

L'origine dell'espressione "litigare come cani e gatti" è piuttosto ambigua e risale a qualche centinaia di anni fa, ma l'addomesticamento di cani e gatti è un fattore importante.

Le prove della convivenza di cani e gatti risalgono molto più indietro nel tempo, a circa 12.000 anni fa, all'epoca in cui i primi gatti vennero addomesticati nel passaggio mondiale a un'economia basata sull'agricoltura, con gli agricoltori che li utilizzavano per tenere topi e altri animali nocivi lontani dalle zone di conservazione degli alimenti.

Tuttavia, come dimostra una nuova ricerca sul DNA, i cani sono stati addomesticati già 40.000 anni fa, principalmente come compagni di caccia. Come riferisce l'Ansa, i cani si differenziarono dai lupi in un periodo compreso tra i 27.000 e i 40.000 anni fa. È scientificamente provato che i cani discendono dai lupi e i gatti dai loro felini selvatici africani. Ma in che modo esattamente questi due opposti hanno iniziato a coabitare?

Nelle prime fasi della relazione tra cane e gatto, i gatti rimasero indipendenti, entrando e uscendo da edifici che offrivano un facile accesso al cibo, mentre i cani avevano un posto all'interno, davanti al camino. Poi, come riporta l'Ansa riferendo quanto pubblicato sulla rivista Smithsonian, pur mantenendo le caratteristiche da "gatto selvatico", i gatti decisero di entrare in gioco e si addomesticarono per accomodarsi in braccio ai loro proprietari ed entrare nel territorio dei cani.

Per spiegare l'apparente naturale antagonismo tra cani e gatti il Dott. John Bradshaw, ricercatore onorario presso la Veterinary School dell'Università di Bristol, parla di lotte frequenti tra cani e gatti che si aggiravano per le strade della città alla ricerca di cibo per sopravvivere. Di fronte a una situazione ostile, i cani hanno ereditato una serie di segnali di comunicazione che consentono loro di comunicare le loro intenzioni ad altri cani, incluso quando stanno per ritirarsi da una lotta.I gatti, invece, sono "predatori solitari" - come spiega Bradshaw - che non hanno queste sofisticate doti di comunicazione, e né gatti né cani hanno ereditato la capacità di comunicare tra loro. Cani e gatti possono andare d'accordo? Assolutamente sì, sebbene questo dipenda da una serie di fattori, come l'età in cui si sono incontrati per la prima volta, le precedenti esperienze con altri cani/gatti, il temperamento generale e la gestione del processo di inserimento.

Convivenza

Nonostante la tendenza istintiva a essere nemici giurati, il rapporto tra cani e gatti è più complesso che una litiga per il cibo.

Cucciolo di cane e gattino che giocano su un divano

Antagonismo

Ammettiamolo: a volte cani e gatti non vanno d'accordo. Questo è particolarmente vero se uno o entrambi gli animali hanno vissuto in un ambiente ostile prima di trasferirsi dai loro proprietari. Il tuo cane potrebbe non apprezzare un nuovo amico felino o viceversa, il che può portare all'aggressione da parte di uno o entrambi gli animali. Cani e gatti non condividono segnali comportamentali, il che può portare a molti problemi di comunicazione.

Scopri di più sull'impegno di Hill’s verso la sostenibilità

Spesso i gatti vengono inseguiti dai cani perché corrono nel tentativo di mettersi in salvo e questo innesca una risposta istintiva di caccia in molti cani. 

Un comportamento aggressivo non significa necessariamente che i tuoi amici pelosi non possano convivere in armonia. Come spiega il sito specializzato PetPassion, è possibile far vivere cani e gatti insieme nella stessa casa. Tenendo a mente il bene e gli istinti di ogni animale, è possibile aiutare i membri pelosi della famiglia supervisionando le loro interazioni e accertandosi che ogni animale abbia un proprio spazio in cui rifugiarsi, come una gabbia o una stanza con un cancelletto. Inoltre, accertati che non siano mai in competizione per aspetti quali cibo o luoghi in cui riposare. Se il tuo cane e gatto hanno una tendenza naturale a mangiare l'alimento dell'altro, separali all'ora dei pasti. In questo modo non solo si riducono eventuali comportamenti combattivi, ma si garantisce anche che un animale non assuma più calorie di quante dovrebbe.

Comanda il gatto

Se il tuo gatto è il padrone di casa, farà in modo che tu e il tuo cane lo sappiate. Essendosi evoluti da predatori solitari che dovevano difendere grandi territori e le relative risorse, alcuni gatti possono mostrare comportamenti aggressivi se si sentono minacciati. Questo è valido nel caso in cui vi siano un cane e un gatto che convivono, due gatti o persino un gatto e i suoi proprietari. Il tuo gatto potrebbe dimostrare la sua aggressività con il linguaggio del corpo, come schiena inarcata, coda arruffata e comportamenti quali morsi o graffi. Potrà anche ringhiare, soffiare o mostrare i denti per tenere lontani altri animali.

Coesistenza

A volte, cani e gatti convivono ignorandosi. Sebbene questa sia una situazione più desiderabile rispetto a litigate costanti, i tuoi animali possono vivere una vita più piena e piacevole interagendo tra loro. Sia cani che gatti hanno uno straordinario olfatto e possono tendere ad annusarsi; tuttavia, i cani preferiscono odorarsi a vicenda il sedere, mentre i gatti preferiscono iniziare dal naso. Puoi facilitare queste sessioni insegnando al tuo cane a stendersi con calma a terra a comando e poi ricompensarlo mentre resta così e il tuo gatto gli annusa il muso. Allo stesso modo, puoi distrarre e ricompensare un gatto con un piccolo snack mentre il tuo cane gli annusa il sedere (e magari il resto del mantello).

Migliori amici

Sebbene possa sembrare difficile, cani e gatti possono vivere insieme, non soltanto come coinquilini ma come migliori amici veri e propri. Uno dei modi migliori per raggiungere questa relazione consiste nell'investire tempo e pazienza nel periodo di inserimento tra i due animali, inclusa la socializzazione. Chissà che un giorno il tuo cane e gatto non possano finire per accoccolarsi insieme.

Quando fai conoscere un gatto al tuo cane, è importante fare le cose con calma. Il sito specializzato Cani.it sottolinea che “la fase di introduzione del cane in famiglia deve essere supervisionata e gestita con pianificazione, con cura e con pazienza.” Si consiglia di confinare inizialmente il micio in una piccola area durante le prime fasi di introduzione in famiglia per poi iniziare le presentazioni tenendo il cane al guinzaglio e facendo sempre in modo che il felino abbia un modo per fuggire dal cane, qualora lo desideri.

Mito e realtà

Quindi, cani e gatti possono andare d'accordo? Sì. Esistono molti miti su cani e gatti e l'idea che non possano convivere in pace è sicuramente una di queste (non importa cosa possa dire il famoso detto).

Autrice

Christine O'Brien

Christine O'Brien

Christine Brovelli-O'Brien ha un PhD in inglese, è un'esperta in storytelling e da sempre un'amante degli animali. Membro professionale della Cat Writers' Association, Christine è stata premiata numerose volte per il suo lavoro. Quando non esplora la salute e il comportamenti degli animali, fa da mamma a un bambino e quattro animali domestici.

 

Controllato e corretto dalla Dottoressa Aileen Pypers, BSc, BVSc, PGDip

Articoli correlati

Prodotti correlati