Problemi cutanei da monitorare nei gatti 

Se hai un gatto, avrai notato i suoi sforzi per mantenere il suo mantello pulito. A causa di questo aspetto ben curato, potresti metterci del tempo prima di capire che dei disturbi cutanei lo stanno infastidendo. Infatti potresti non accorgerti di nessuna forma di irritazione finchè prurito, perdita di pelo o infiammazioni non diventano evidenti.

Come identificare un problema correttamente

Domandati se il tuo gatto ha problemi cutanei. Idealmente, il pelo del tuo gatto è pulito e soffice e anche la sua cute dovrebbe essere morbida quando lo accarezzi senza alcun rossore, grumo, screpolatura o altro segno di irritazione. Quindi se noti delle parti rosse o squamate, foruncoli, croste, infiammazioni o perdite di pelo, il tuo gatto potrebbe avere un disturbo cutaneo che bisogna curare. Monitora i cambiamenti di odore della cute e se si gratta, lecca o strofina più spesso.

Infezioni comuni

Le infezioni fungine sono tra le forme più comuni. La tigna e le infezioni da lievito sono due delle possibili cause per cui il tuo gatto potrebbe avere problemi cutanei. Tieni in mente che potrebbe contagiare gli altri membri della famiglia abbastanza facilmente, quindi un'identificazione precoce del problema è fondamentale.

Senza dubbio i gatti sono anche esposti a parassiti e virus, proprio come noi. Pulci e acari non solo provocano prurito al gatto, ma potrebbero essere entrambi il punto d'inizio per problemi cutanei più gravi. Anche se il tuo gatto non sta all'aperto, è prudente usare prodotti antiparassitari per evitare le punture di questi insetti. Chiedi al tuo veterinario per maggiori informazioni. Alcune infezioni spesso hanno come effetti collaterali le irritazioni cutanee. Uno di questi è il virus del vaiolo bovino che, secondo il Giornale di Medicina e Chirurgia Felina, potrebbe attaccare i gatti che sono stati a contatto con dei roditori portatori di questa malattia. Il virus, non molto comune negli Stati Uniti, ha visto invece molti casi in Europa.

Influenze ambientali

A contatto con la cute, i diversi agenti ambientali possono determinare 3 diversi effetti:

  • Allergie ambientali: polline, polvere e muffa sono tre comuni allergeni che possono portare problemi cutanei. Il tuo veterinario potrà aiutarti a capire se c'è un problema. Il modo migliore è tenere il tuo gatto lontano dalle zone piene di polline, polvere e muffa. Prima di consentire l'accesso in queste zone, prendete tutte le precauzioni necessarie per detergere scrupolosamente ogni superficie.
  • Allergie alimentari: i disturbi cutanei sono uno dei sintomi di allergia alimentare. I gatti che soffrono di problemi di digestione, come vomito o diarrea, possono anche mostrare problemi cutanei come altro sintomo.
  • Farmaci: se il gatto sta assumendo dei farmaci, questi potrebbero avere diversi effetti e potresti notare il sopravvenire di problemi cutanei. Contatta il tuo veterinario prima di sospenderne l'uso o cambiare farmaco.

Cosa puoi fare

Se non sei ancora sicuro sul perchè il tuo gatto non smette di leccarsi e grattarsi è assolutamente comprensibile. Prendi un appuntamento con il tuo veterinario in modo che il tuo gatto possa ricevere la cura di cui ha bisogno. Il tuo gatto potrebbe aver bisogno di un farmaco adatto alla sua condizione. E' sempre importante tenere d'occhio il proprio gatto dopo avergli dato il farmaco per assicurarsi che il disturbo si stia attenuando e non peggiorando. Se il disturbo non comincia lentamente a calmarsi, potrebbe significare che il tuo gatto soffre di un altro problema cutaneo. Un controllo del veterinario ti aiuterà a garantirgli la cura di cui ha bisogno. Assicurati di esserti procurato la lista di tutti i segni che hai notato nel tuo gatto per aiutare il veterinario nella diagnosi dell'irritazione cutanea.

Sappiamo che ami il tuo gatto e non vuoi vederlo soffrire. Anche se ama tenersi in ordine, controlla il suo mantello e la sua cute regolarmente per ogni possibile problema e tieni sotto controllo eventuali cambiamenti di odore, prurito e la sua routine di pulizia. Prima questi disturbi vengono individuati, prima potrai far sentire meglio il tuo gatto.

Note sull'autore

Erin Ollila

Erin Ollina crede nel potere della parola e in come un messagio può informare - e anche trasformare - il pubblico a cui è rivolto. I suoi testi possono essere trovati online e cartacei, e includono anche interviste, ghostwriting, post sul blog e saggistica creativa. Erin è appasionata di SEO e social media in generale. E' laureata alla Fairfield Univesity con un M.F.A in scrittura creativa. Seguila su Twitter @ReinventingErin o scopri di più su lei su http://erinollila.com.

Articoli sulla cura degli animali