Animali che si grattano: è allergia?

Pubblicato da
min tempo di lettura

Tutti sappiamo quanto possa essere fastidiosa la sensazione di prurito. Se non si riesce a grattarsi, diventa l'unica cosa a cui si riesce a pensare. È una delle cose con cui riusciamo a immedesimarci di più quando si tratta di cani e gatti. Avere un cane o gatto che si gratta o si lecca costantemente può essere fastidioso per noi proprietari quanto per i nostri animali. Molti dei miei clienti che condividono la camera da letto con il loro cane o gatto non riescono a dormire a causa del costante rumore dell'animale che si gratta e si agita di continuo. Se il tuo gatto o cane sta perdendo pelo, ha delle chiazze alopeciche o sembra soffrire di una condizione cutanea, potrebbe essere allergico a qualcosa. Le allergie non sono tanto comuni quanto si potrebbe pensare, quindi il tuo veterinario vorrà per prima cosa escludere le più frequenti. Puoi trovare un articolo al riguardo qui.

L'allergia cutanea più comune nei cani e nei gatti si chiama dermatite atopica o atopia. Di solito questa ha inizio a partire dai sei mesi e potresti notare che il tuo cane o gatto ha prurito e si gratta, scuote la testa o mastica e si lecca eccessivamente. Potresti vedere delle chiazze senza pelo e pelle arrossata; in molti casi gli animali si feriscono perché si grattano in continuazione. Una volta traumatizzata, la pelle può sviluppare un'infezione secondaria che può peggiorare il prurito creando un circolo vizioso dell'infiammazione.

L'atopia è una reazione a ciò che ci circonda: può trattarsi di uno o più fattori scatenanti. Gli allergeni più comuni sono generalmente polvere e acari degli alimenti, polline, alberi, erba e così via. Diversi cani e gatti hanno più prurito in estate, quando i campi sono in piena fioritura. Altri si grattano tutto l'anno, ad esempio nel caso di allergia agli acari della polvere.

L'atopia può essere difficile e costosa da diagnosticare, quindi sii paziente mentre il veterinario cercherà di capire come aiutare al meglio il tuo cane o gatto con prurito. Una volta escluse altre cause, potrebbe voler effettuare altri esami per scoprire a cosa è allergico l'animale. I test cutanei sono, ad esempio, uno step importante prima della cosiddetta iposensibilizzazione. Il veterinario ti potrà parlare di farmaci, oli omega, shampoo, necessità di evitare gli allergeni e iposensibilizzazione. Si tratta della creazione di un mix specifico di allergeni per il tuo cane o gatto da somministrare mediante iniezioni in dosi crescenti nel corso di settimane e mesi. Ciò può risolvere l'atopia in alcuni animali e ridurre la quantità di farmaco necessaria qualora non sia possibile ottenere una risoluzione completa. Il veterinario potrebbe prescrivere anche un breve ciclo di steroidi per interrompere il ciclo di prurito-impulso di grattarsi e dare a te e al tuo animale un po' di sollievo. In caso di infezione è possibile utilizzare degli antibiotici.

Dopo l'atopia dobbiamo parlare delle allergie alimentari. Preferiamo chiamarle reazioni avverse agli alimenti poiché la maggior parte delle reazioni e delle intolleranze alimentari non sono vere e proprie allergie. Per il tuo animale non farà molta differenza poiché le reazioni e le cose da evitare sono le stesse. Le vere allergie alimentari sono nella maggior parte dei casi dovute a una parte delle proteine presenti nell'alimento. Nei cani gli alimenti che causano più comunemente allergie sono manzo, latticini, pollo e frumento, mentre nei gatti manzo, pollo e pesce. Non dimenticare che il tuo animale potrebbe soffrire sia di atopia che di allergie alimentari.

I sintomi sono più o meno gli stessi dell'atopia ma se l'alimento viene assunto sempre non saranno stagionali. In alcuni casi le aree del corpo maggiormente soggette a prurito variano in caso di atopia e di reazioni alimentari, ma non è detto che sia necessariamente così. Se il tuo veterinario sospetta che sia un alimento la causa, vorrà effettuare una prova di eliminazione/esclusione di un alimento. Potrebbero essere necessarie tra le 4 e le 12 settimane per arrivare a una conclusione ed è assolutamente fondamentale attenersi al regime stabilito. Solitamente il modo più semplice per fare una prova è utilizzare uno speciale alimento dietetico. Si tratta di alimenti che contengono solo proteine scomposte in parti talmente piccole da non innescare più una reazione nel corpo (il fenomeno si chiama idrolizzazione delle proteine) o a base di proteine che l'animale non ha mai assunto prima (chiamato "alimento con nuove fonti di proteine"). Se dopo diverse settimane il tuo animale dovesse stare notevolmente meglio, potrai provare con fonti di proteine diverse, una volta alla volta, per individuare uno o più responsabili. Molti proprietari sono talmente sollevati dalla fine del prurito da decidere di attenersi all'alimento speciale. Anche alcuni esami del sangue potrebbero fornire maggiori indicazioni su quale tipo di allergia alimentare potrebbe affliggere il tuo animale. Come già accennato, il modo migliore per farlo è una prova di eliminazione.

Un altro tipo di reazione che si riscontra è la dermatite da contatto. In questi casi, l'animale entra in contatto con una sostanza che causa una reazione allergica o danneggia la pelle. Potrebbe trattarsi di una corsa tra le ortiche o di una reazione a un determinato detergente utilizzato per la biancheria.

Il prurito e il continuo bisogno di grattarsi possono far impazzire sia i nostri animali che noi, ma con un po' di impegno da parte tua e del veterinario potrete trovare tutti sollievo.

Autrice

Dr. Emma Milne

La dottoressa Emma Milne è diventata veterinaria nel 1996. Ha lavorato per 12 anni in un piccolo ambulatorio e per sette anni come consulente nutrizionale. È molto nota per il suo impegno volto a garantire il benessere degli animali e ha scritto dieci libri sugli animali domestici.

Articoli correlati